Are you the publisher? Claim or contact us about this channel


Embed this content in your HTML

Search

Report adult content:

click to rate:

Account: (login)

More Channels


Showcase


Channel Catalog


older | 1 | .... | 239 | 240 | (Page 241) | 242 | 243 | .... | 324 | newer

    0 0

    Pomeriggio nero per il trasporto pubblico locale. A causa di un inconveniente tecnico la Metro A non è attiva nel tratto fra Battistini e Ottaviano. Il servizio verrà comunque garantito da bus navetta sostitutivi. L'Agenzia della Mobilità, informa inoltre che per le condizioni meteo avverse, le linee di bus in zona ovest viaggiano in forte ritardo e sono possibili deviazioni di percorso. A causa di un incidente stata invece chiusa la galleria Giovanni XXIII in direzione del Foro Italico. Non si accede alla galleria da Pineta Sacchetti, via Pestalozzi e via Pieve di Cadore. La ferrovia Termini-Giardinett,i che era stata interrotta nel tratto Centocelle-Giardinetti per un guasto tecnico, è stata riattivata.


    0 0

    Un terremoto di magnitudo 2.7 è avvenuto alle ore 16:13. Il terremoto è stato localizzato dalla Rete Sismica Nazionale dell'Ingv nel distretto sismico: Monti Cornicolani-Aniene. La scossa è avvenuta a 17 chilometri di profondità. Tra i comuni entro i 10 chilometri dall'epicentro ci sono Guidonia Montecelio (Rm); Marcellina (Rm); Palombara Sabina (Rm); San Polo Dei Cavalieri (Rm); Sant'Angelo Romano (Rm); Tivoli (Rm). 


    0 0

     "Le cose procedono bene, bisogna soltanto lavorare e continuare come stiamo facendo. A che punto sono lo vediamo giorno dopo giorno, da che tipo di reazione ha il ginocchio. Dobbiamo soltanto pensare a rientrare bene il prima possibile". Alla vigilia dell'Open Day dell'Olimpico, Mattia Destro torna a parlare alle telecamere di Roma Channel per rassicurare i tifosi giallorossi sul recupero di un infortunio (un trauma distorsivo alla caviglia destra e al ginocchio sinistro) che si trascina dalla partita di Coppa Italia con l'Inter.

    IL RIENTRO- "L'obiettivo è di rientrare bene il prima possibile - spiega il 22enne attaccante marchigiano - ma fissare una data non è semplice perché dobbiamo vedere come reagisce il ginocchio giorno dopo giorno. C’è fiducia nei miei confronti da parte della società? No, adesso la priorità è il ginocchio, fa piacere sentire le voci del direttore (Sabatini, ndr), ma quando rientrerò con il gruppo dovrò fare il possibile per farmi trovare pronto". Destro si è curato lontano dalla capitale per un motivo prettamente psicologico: "Quando non puoi allenarti con i compagni in campo, un giocatore soffre e quindi per un motivo e per l'altro abbiamo concordato con la società di andare a fare un periodo lontano da Trigoria".

    LAVORO IN PALESTRA- Destro, che sta facendo lavoro in palestra "per potenziare il muscolo", non si spaventa dall'alta considerazione che di lui hanno gli addetti ai lavori ("È un grande stimolo per rientrare bene, e nella maniera giusta, il prima possibile in squadra"), ha voglia di dare tanto alla Roma: "Spero di riuscirci adesso che rientro, è giusto che ogni anno uno deve migliorarsi e fare meglio della stagione precedente, speriamo di riuscirci". 

    LA NUOVA ROMA- Sulla nuova Roma che sta nascendo: "Sono rientrato da poco e ho avuta poca possibilità di stare con il gruppo, da quello che ho visto è forte con giocatori di valore. Speriamo di fare una grande annata. L'obiettivo è sempre quello di arrivare in Europa e mi auguro ci riusciremo. Garcia? Speriamo di conoscerlo meglio quando rientro - conclude Destro - così come i compagni".


    0 0

    Dopo l'allenamento del mattino caratterizzato da una seduta tecnica e atletica, Totti e compagni hanno iniziato la seconda sessione alle ore 17 in punto. Sotto la guida dello staff tecnico di Rudi Garcia i giallorossi hanno eseguito del lavoro di forza in palestra. Hanno continuato a lavorare a parte Destro, Strootman e Romagnoli. Domani ancora allenamento al mattino con inizio alle ore 9.30. Nel pomeriggio poi la seconda seduta della giornata verrà eseguita allo Stadio Olimpico davanti agli occhi dei tifosi che saranno presenti all'Open Day. 

    IL PATTO USA/UNICREDIUT-È stato rinnovato tacitamente per altri tre anni, fino al 18 agosto del 2017, il patto parasociale fra Unicredit e i soci Usa. Come si legge in una nota del club giallorosso il patto parasociale sottoscritto il 15 aprile 2011 da As Roma Spv Llc (già DiBenedetto As Roma Llc) e Unicredit quali azionisti di Neep Roma Holding Spa, a cui ha aderito nell'agosto 2013 anche Raptor HoldCo LLC, in scadenza il 18 agosto 2014, è stato tacitamente rinnovato per un ulteriore triennio in quanto non è stata inviata alcuna disdetta entro il termine previsto (i 12 mesi antecedenti la data di scadenza). Nel comunicato si specifica anche che ''non sono intervenute variazioni nei soggetti aderenti al patto, nel numero delle azioni sindacate, nella percentuale detenuta da ciascun aderente rispetto al totale delle azioni sindacate e nel capitale sociale di Neep. 

    ANCORA MERCATO- A 10 giorni dalla conclusione del calciomercato, il direttore sportivo della Roma, Walter Sabatini, è volato stamattina a Londra. Il dirigente giallorosso si è imbarcato nell'aeroporto di Fiumicino su un volo di linea Alitalia, decollato alle 9,55. Sabatini è impegnato in questa fase nel tentativo di cedere giocatori in esubero e con ingaggi “pesanti”. Il nuovo viaggio a Londra, dopo quello dei giorni scorsi dal quale è arrivata poi la cessione di Osvaldo al Southampton, potrebbe riguardare Borriello o Lamela anche se l’enturage di quest’ultimo ha smentito ogni cessione in arrivo: “Non sono a Londra, quello che si dice non corrisponde al vero”. A precisarlo all’Ansa è direttamente Pablo Sabbag, agente del giocatore della Roma. “Io mi trovo nella Capitale assieme al papà di Erik” le parole del procuratore che ha poi aggiunto: “Quale è la situazione? Lamela è tranquillo, stiamo aspettando. Vediamo quello che succede”. In mattinata a Londra sono invece volati il direttore generale della Roma, Mauro Baldissoni, e il direttore sportivo, Walter Sabatini. Oltremanica c’è infatti da registrare l’interesse di Tottenham e Arsenal per Pjanic, ma anche l’apertura del West Ham per Marco Borriello. L’attaccante italiano, a causa del pesante ingaggio, è infatti sulla lista dei partenti e la cessione potrebbe concretizzarsi nelle prossime 48 ore.


    0 0

    ''Accusare la nostra Curva di razzismo è ridicolo, i famosi “buuu” non sono un coro d'offesa razziale. Ma ci impegniamo a non farli più''. Il giorno dopo la chiusura della curva Nord per gli ululati razzisti nei confronti degli juventini Pogba, Asamoah ed Ogbonna, nel corso della finale di Supercoppa, la tifoseria organizzata della Lazio fa sentire la propria voce. ''Accusare la nostra Curva di razzismo – scrivono i tifosi della Nord -, una curva che non ha mai cacciato ragazzi di colore dal proprio settore e che ha sempre accettato il progressivo aumento di ragazzi di diverse etnie all'interno della propria squadra, facendoli poi oltretutto divenire idoli, vedi Liverani, Dabo, Onazi, Ciani, Cissè etc etc è veramente ridicolo oltre che infamante!''.

    STRUMENTALIZZAZIONE- Poi, i tifosi della Lazio - parlano di strumentalizzazioni: ''È chiaro ormai il disegno che da anni ci vede tirati in ballo strumentalizzando comportamenti più volte spiegati tramite comunicati e radio – sostengono -. È altresì evidente che fa comodo usare nei nostri confronti due pesi e due misure non considerando i nostri chiarimenti in merito ma perseverando contro di noi con ogni mezzo a discapito della più limpida verità. È proprio il caso di dire che il vostro interesse supera la ragione. Vano è stato il nostro tentativo di far capire, non ora, ma nel corso degli anni, che i famosi 'buuu” non sono un coro d'offesa razziale bensì semplice sfottò per irretire l'avversario di turno, ma proprio i vostri interessi hanno fatto in modo di rendere parole al vento ogni tipo di delucidazione in merito”. Oltre alle accuse, anche un impegno: ''Chiediamo pertanto al nostro popolo, impegnandoci noi per primi, di evitare di fare gli ululati. Noi siamo più maturi e dimostreremo, come abbiamo sempre fatto, la nostra superiorità anche in questa circostanza disarmando così gli ipocriti che ci remano contro”. ''Aspettiamo con ansia, da parte vostra cari soggetti accusatori, le prossime accuse nei nostri confronti, tolti gli ululati siamo curiosi di vedere a cosa vi appiglierete...'', conclude la nota che termina con un ''avanti Curva Nord, sempre un passo avanti a tutti”.


    0 0

    Sarà esaminato venerdì prossimo il ricorso della Lazio contro al chiusura della Curva dell'Olimpico per cori razzisti contro giocatori della Juve. La Corte di giustizia della Federcalcio si riunirà in mattinata, a due giorni da Lazio-Udinese, per prendere una decisione sulla richiesta del cub romano di sospendere o annullare la decisione del giudice sportivo, che dopo gli episodi in Supercoppa ha decretato la chiusura al pubblico della Curva Nord per un turno, con effetto immediato. 

    LE REAZIONI- "Ancora cori razzisti negli stadi. Le parole di papa Francesco alle nazionali di calcio italiana e argentina non possono passare come acqua fresca. Il calcio deve essere più umano, uno spettacolo per tutte le famiglie, essere impegnato contro il razzismo e la violenza. Cercheremo con il ministro Kyenge, il Coni, le società, di contribuire al cambiamento già da questa stagione". Così il ministro per gli Affari Regionali e lo Sport, Graziano Delrio, su Facebook.

    LA DIFESA-  ''Abbiamo presentato un ricorso con procedura d'urgenza alla Corte di giustizia federale per una sospensione o l'annullamento del provvedimento di chiusura della curva Nord". Lo afferma all'Adnkronos l'avvocato della Lazio, Gian Michele Gentile, all'indomani della decisione del giudice sportivo sugli ululati razzisti dei tifosi biancocelesti durante la Supercoppa. ''Ci aspettiamo un pronunciamento tra giovedì e venerdì - spiega il legale della Lazio annunciando il ricorso contro la chiusura della curva in occasione della prima gara di campionato contro l'Udinese -. Ci rendiamo conto che si tratta di un argomento delicato ma auspichiamo un annullamento della sentenza o al più un provvedimento di sospensione”.


    0 0

    Nuova protesta nel tardo pomeriggio dei "no alla Discarica del Divino Amore". Questa volta i comitati di cittadini contrari all'ipotesi di realizzare una discarica a Falcognana hanno manifestato pacificamente - circa duecento persone - per le strade di Trigoria dalla rotonda sulla Laurentina sino al termine di via Giuffrè. 

    IL PDL - E sulla discarica prende posizione anche il Pdl che chiede un consiglio straordinario alla Pisana. “La decisione sulla nuova discarica - dichiara il consigliere regionale Fabio De Lillo –  che dovrà sostituire quella di Malagrotta è di vitale importanza e deve essere analizzata in modo pubblico e trasparente attraverso una seduta straordinaria del Consiglio regionale. Non è possibile che sulla localizzazione di un impianto a così alto impatto sulla salute dei cittadini e sull’ambiente rimangano ombre che sembrano sfuggire ad una sinistra che, se fosse stato sindaco Alemanno, avrebbe scatenato su un blitz come quello per Falcognana una sorta di guerra civile”.

    Oltre  al consiglio straordinario il partito di Berlusconi presenterà anche un'altra interrogazione consiliare dopo quella dei senatori del suo partito. “Nell'interrogazione, Augello e Sammarco prendono atto di notizie di stampa su un complesso intreccio societario relativo al sito di Falcognana e chiedono per questo di sospendere ogni decisione fino a che non venga fatta luce sui contorni di questa scelta determinante per il la gestione dei rifiuti nel Lazio - continua De Lillo - Dobbiamo essere realisti, una nuova discarica è necessaria fino alla completa messa a regime della raccolta differenziata, ma non si può prescindere da due condizioni ineludibili: che la scelta prenda in considerazione non solo il Comune di Roma ma tutto il territorio provinciale, in modo che il sito sia individuato in un’area a minimo impatto sulla popolazione e sulle aree di pregio storico artistico e ambientale come gran parte del territorio romano; e che la discarica venga realizzata su un’area pubblica, per vanificare appetiti impropri su quello che deve rimanere un servizio per tutti e non un affare per pochi". 


    0 0

    Un terremoto di magnitudo 2.7 è avvenuto alle ore 16:13. Il terremoto è stato localizzato dalla Rete Sismica Nazionale dell'Ingv nel distretto sismico: Monti Cornicolani-Aniene. La scossa è avvenuta a 17 chilometri di profondità. Tra i comuni entro i 10 chilometri dall'epicentro ci sono Guidonia Montecelio (Rm); Marcellina (Rm); Palombara Sabina (Rm); San Polo Dei Cavalieri (Rm); Sant'Angelo Romano (Rm); Tivoli (Rm). 


    0 0

    Custodivano droga e armi in casa e dentro un nascondiglio segreto all'interno di un garage. Quattro romani, rispettivamente di 19, 23, 30 e 35 anni, tutti già noti alle forze dell’ordine, sono stati arrestati dai Carabinieri del Nucleo Operativo e Radiomobile della Compagnia di Frascati con l’accusa di detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti e detenzione di armi clandestine. I quattro, ieri sera, sono stati notati in strada, sotto casa del 19enne, in zona Tor Vergata, da una pattuglia dei militari dell’Arma, mentre parlavano animatamente tra loro. Insospettitisi, i Carabinieri, li hanno controllati e a seguito di perquisizione personale li hanno trovati in possesso di alcune dosi di sostanze stupefacenti.

    IL BLITZ - La successiva perquisizione all’interno dell’abitazione del 19enne, ha permesso poi ai militari dell’Arma di rinvenire altre dosi di eroina, cocaina ed hashish, oltre a due piantine di marijuana. Il particolare però che ha fatto più incuriosire i Carabinieri è che uno degli altri tre giovani fosse in possesso di un mazzo di chiavi tra cui quelle di un garage, situato nei pressi dell’abitazione del 19enne. A questo punto i Carabinieri hanno deciso di estendere la perquisizione anche al garage, scoprendo una cassaforte a pozzetto, coperta da un grosso armadio, dove all’interno vi erano tre pistole: una Smith e Wesson calibro 38 con matricola abrasa; una Franchi-Llama 38 special; una Walther calibro 9 con matricola abrasa; 50 proiettili; due bilancini di precisioni ed una macchinetta conta banconote, tutto sequestrato. Arrestati dai Carabinieri, due dei quattro uomini, sono stati associati presso il carcere di Regina Coeli mentre gli altri due sono stati accompagnati in caserma, a disposizione dell’Autorità Giudiziaria in attesa del rito direttissimo. Sono stati disposti accurati esami balistici sulle armi per verificare se siano state utilizzate in recenti fatti delittuosi avvenuti nella Capitale negli ultimi tempi.


    0 0

    Continua a tremare la terra intorno a Tivoli e Guidonia. Alle prime due scosse di ieri che avevano registrato rispettivamente una magnitudo 2.9 e 2.7, ne sono seguite altre tre nella notte. La prima, di magnitudo 2.5, è avvenuta alle ore 03.01 ad una profondità di 14.8 km. La seconda, di magnitudo 2.6, è avvenuta alle ore 03.27 ad una profondità di 7.6 km, mentre la terza, di magnitudo 2, è stata registrata alle ore 03.50 ad una profondità di 15.4 km. Tutte, secondo i rilevamenti della Rete Sismica Nazionale dell'INGV, insistevano nel distretto sismico dei Monti Cornicolani-Aniene a pochi km da Tivoli e Guidonia e dai comuni limitrofi come Palombara Sabina o Marcellina.

    175 SCOSSE IN 5 ANNI - Nonostante le scosse di lieve entità abbiano messo in allerta soprattutto gli abitanti a ridosso dell'epicentro la situazione non desta preoccupazione. “Siamo nella normalità – spiega Alberto Basili funzionario dell'Ingv, l'lstituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia – possiamo parlare di una piccola sequenzina sismica che ha colpito l'area. Alla scossa più forte di magnitudo 2.9 di ieri mattina, sono seguite altre repliche". D'altronde, che la terra intorno a Tivoli sia soggetta a fenomeni sismici non è certo un mistero. "Noi abbiamo fatto un'estrazione di un'area circolare di 20 km centrata sul comune di Tivoli e solo negli ultimi 5 anni sono avvenuti 175 eventi sismici con magnitudo superiore a 1,5. Di questi, il più forte presentava una magnitudo 3,5 e risale al 9 luglio del 2012".

    AREA A BASSO RISCHIO - Impossibile prevedere se la "piccola sequenzina" è destinata a proseguire. “Quello che noi diciamo - continua Basili - è che certamente la previsione sismica puntuale non è fattibile, non si può certo stabilire l'ora o la forza di un terremoto. Ma i cittadini devono stare tranquilli, perché queste scosse rientrano nella normalità della zona intorno a Tivoli: stiamo parlando di un'area sismogenetica non pericolosa che in una scala di 4 categorie si colloca infatti fra le seconda e la terza e quindi fra un rischio basso e un medio basso. Non appartiene alle aree che insistono sulla catena appenninica, che invece presentano un criticità più elevata. La popolazione può stare tranquilla”.


    0 0

    Ufficialmente era un centro massaggi orientali, ma all’interno nascondeva una vera e propria casa di appuntamenti. E' in un locale di via Agostino Scaparro, a Ostia, che operava il Geisa, delizia degli uomini del quartiere e incubo per le mogli, che preoccupate dall'eccessiva frequenza con cui mariti si sottoponevano ai "massaggi speciali", hanno deciso di rivolgersi ai carabinieri, che ieri pomeriggio sono intervenuti, scoprendo che dietro il centro massaggi si nascondeva un’attività di prostituzione.

    GLI ANNUNCI IN RETE -  Che il Geisa fosse un centro di massaggi atipico, non era certo un mistero. D'altronde il video promozionale presente sulla rete non lasciava certo spazio a equivoci, così come gli annunci sparsi su diversi siti di escort e incontri che presentavano addirittura le foto delle ragazze. "Vieni a Provare il "Massaggio Giapponese di Luisa' -  recitava il messaggio pubblicitario che qualche mese fa annunciava la nuova gestione del locale - Massaggio MIX ASIA 4 Mani con Luisa ed Monica, SARAI MOLTO CONTENTO!!! 100% Relax". A prostituirsi all'interno del Geisa erano infatti tutte giovani donne cinesi che si alternavano all’interno del centro. La prestazione sessuale veniva regolarmente proposta ed offerta a ciascun cliente, previo pagamento di un supplemento al normale prezzo del massaggio.

    L'ARRESTO - Quando è scattato il blitz nel locale, i Carabinieri del Nucleo Operativo della Compagnia di Ostia hanno trovato la tenutaria ed alcuni clienti che si intrattenevano con due ragazze. La donna, D.R.R. 30enne cinese, munita di regolare permesso di soggiorno e con un precedente specifico alle spalle, è stata tratta in arresto, mentre il locale e i proventi dell'attività illecita sono stati posti sotto sequestro. 


    0 0

    Roma capitale italiana delle scommesse e video slot. E' questo il risultato di un'indagine della Camera di Commercio di Milano (CamCom) basata sui dati del registro imprese, relativi alle sedi di impresa ed alle localizzazioni attive specializzate nel gioco. Nel primo trimestre del  2012 e del 2013, infatti,  la provincia di Roma  con 798 attività (8,6% rispetto al dato nazionale) risulta quella dove l'attività legata al gioco è più fiorente, seguita da Napoli (793, 8,5%), Milano (521, 5,6%) e Bari (321, 3,5%). 

    UN BUSINESS INARRESTABILE - L'attività imprenditoriale connessa al gioco e alle scommesse presenta un forte incremento in tutta Italia. "Sfiorano ormai quota 9.300 - si legge nella nota della CamCom - le imprese italiane che nel 2013, tra sedi e unità locali, sono specializzate nel settore scommesse e gioco. Crescono del 32,1% in un anno, con la gestione di apparecchi che consentono la vincita in denaro che passano da 705 a 1.348 in un anno (+91,2%). E con il quasi raddoppio delle ricevitorie arrivano a 4.344 imprese i luoghi adibiti al gioco del Lotto, Superenalotto e Totocalcio".

    LAZIO AL TERZO POSTO -  Nonostante Roma guidi la classifica delle province, il Lazio è costretto a conSsolarsi con un modesto terzo posto. A guidare la classifica nazionale è la Lombardia con 1.342 attività dedicate al gioco, il 14,5% del totale italiano, ma soprattutto un incremento rispetto allo scorso anno del 43,4% in un anno. Seguono poi la Campania (1.278, il 13,8% rispetto al totale nazionale) e il Lazio (1.046, 11,3%).Tra le crescite più significative del settore in generale l’Emilia Romagna con +80% e le Marche (+45,5%). 


    0 0

    Discute per motivi di traffico e spara quattro colpi di pistola. E' accaduto ieri pomeriggio a Nettuno intorno alle 21 di sera quando un 35enne pregiudicato del luogo, al termine di una discussione avuta con un imprenditore di Nettuno dinanzi l’abitazione di quest’ultimo, al fine di intimorirlo avrebbe estratto una pistola che aveva con se sparando in sequenza in un primo momento due colpi per terra e poco dopo altri due sul muro di cinta dell’edificio. Alla base dell’alterco ci sarebbero dei futili motivi legati presumibilmente ad alcune manovre azzardate che il pregiudicato avrebbe compiuto con la propria autovettura lungo la strada ed al parcheggio del mezzo proprio davanti l’abitazione dell’imprenditore.

    L'ARRESTO - I carabinieri di Nettuno, dopo un primo sopralluogo sul luogo della sparatoria, dove sono stati rinvenuti due bossoli e due ogive sul muro perimetrale, hanno subito dopo rintracciato l’aggressore presso la propria abitazione. L'uomo è stato denunciato per minaccia aggravata, detenzione di munizionamento, porto di arma e spari in luogo pubblico. Nel corso della perquisizione veicolare e domiciliare gli agenti hanno rinvenuto e sequestrato complessivamente nell’abitacolo un proiettile 9x17 compatibile con quelli esplosi nonché, all’interno di una cantina, altri 5 proiettili dello stesso tipo, 18 cartucce a pallettoni per fucile da caccia e due pistole a salve prive di tappo rosso, il tutto detenuto senza alcun titolo autorizzativo. 


    0 0

    Prosegue senza sosta l'odissea rifiuti. La scelta di Falcognana, il sito che dovrebbe andare a sostituire Malagrotta, continua a non convincere i comitati cittadini. Le criticità ambientali presentate dall'ex sottosegretario Giro secondo cui la realizzazione della discarica violerebbe il decreto Bondi, ma soprattutto le tante incognite che ruotano attorno alla proprietà del sito che, da quanto emerso negli ultimi giorni, sarebbe gestito attraverso una ragnatela di società e fiduciare, continua  a rafforzare il fronte del no, sempre più contrario alla realizzazione della discarica sulla via Ardeatina a pochi passi dal santuario del Divino Amore. Un fronte variegato che vede schierato, seppur in maniera strumentale, praticamente tutto il centrodestra, locale e nazionale, a fianco dei comitati cittadini. 

    IL PRESIDIO CONTINUA - A chiedere maggiore chiarezza alle istituzioni è soprattutto il "Comitato No discarica al Divino Amore" che in una nota afferma ancora una volta la propria contrarietà al sito scelto. "La leggerezza con la quale le istituzioni coinvolte, Regione e Comune, avevano dato il loro benestare per l'idoneità del sito – si legge nella nota - ci avevano insospettito da subito, non a caso ci eravamo chiesti se Falcognana non fosse zona franca rispetto alle politiche pubbliche di bilancio tutte indirizzate al contenimento della spesa. Ora emergono inquietanti vicende legate alle scatole cinesi correlate alla vicenda proprietaria - prosegue la nota - Per siffatte ragioni abbiamo presidiato e continueremo a presidiare il sito individuato. Ora ci attendiamo che tutte le istituzioni coinvolte facciano la necessaria chiarezza su una vicenda che per mille motivi non ci ha mai convinti”

    LA DENUNCIA A SOTTILE - L'ex ministro Renato Brunetta, che risiede a pochi km da Falcognana, annuncia invece un esposto contro il commissario Sottile. "Dopo le mie sette interrogazioni parlamentari ad altrettanti ministri - spiega in una nota Brunetta, attuale capogruppo Pdl alla Camera -  è stata presentata alla Procura della Repubblica di Roma una denuncia querela dell'Associazione 'Lo Sportello del Cittadino' nei confronti del Commissario governativo, Goffredo Sottile. Nella denuncia querela - prosegue Brunetta -  viene evidenziato come, in questa fase di individuazione della nuova discarica di Roma, sia stato omesso il rispetto della direttiva comunitaria n. 2008/98/CE, alla quale sia il Commissario Sottile che gli altri funzionari incaricati per il medesimo fine, nonostante i poteri straordinari conferitigli.Allo stesso tempo - conclude l'ex ministro - i cittadini residenti nel quartiere di Falcognana hanno presentato un esposto, sempre alla Procura della Repubblica di Roma, affinchè vengano accertati tutti gli aspetti relativi alla nuova possibile discarica e per chiedere alla stessa Procura di disporre i provvedimenti più opportuni, fino al sequestro cautelativo dell'area interessata".

    BASTA FIDUCIARIE SEGRETE – A pretendere maggiore trasparenza soprattutto per il futuro è anche il vicepresidente della regione Lazio, Francesco Storace, che annuncia la presentazione una proposta di legge regionale. "Il campo dei rifiuti è sempre più minato dalle infiltrazioni criminali che ne controllano la gestione – afferma Storace in un comunicato - Per questo, anche a seguito delle numerose polemiche sorte intorno al sito di Falcognana, e all'assetto societario più o meno trasparente, ho provveduto a presentare una proposta di legge regionale che, se accolta, impedirà la possibilità di occultare le proprietà delle società dietro fiduciarie segrete, costituite oltre confine”. 


    0 0

    Due contest si può. Anche quest’anno torna l’evento più pazzo e colorato dell’estate: “Fai la differenza, c’è la Re Boat Race”, ideato dall’ Associazione Sportiva Dilettantistica Sunrise1, in collaborazione con la Società Sunnyway - Energy at Work e con il contributo dell’Agenzia di Comunicazione Integrata Creare e Comunicare.

    QUARTA EDIZIONE- Dopo il successo dello scorso anno, ancora una volta il Ministero dell’Ambiente e della tutela del Territorio e del Mare, l’Agenzia Nazionale Giovani, Roma capitale con la rete delle Sue Biblioteche, il Municipio Roma IX (ex XII EUR) e EUR SpA, hanno deciso di sostenere nuovamente con il loro prezioso patrocinio l’evento. Evento che farà network con “La città in tasca”, manifestazione storica e ventennale dell’Estate Romana dedicata alle famiglie, che si svolgerà a Roma presso il Parco degli Scipioni. dal 31 agosto all’8 settembre 2013, organizzata dall’Arciragazzi Roma onlus. Un gemellaggio che rende ancor di più l’evento unico ed esclusivo. Le prove in acqua e la RE Boat Race si svolgeranno invece Sabato 7 e Domenica 8 Settembre presso il Parco Centrale del Lago dell’Eur di ROMA.

    PRIMA REGATA ECO- La Re Boat Race, la prima regata in Italia di imbarcazioni costruite interamente con materiali riciclati, sta prendendo corpo. Tante sono già le imbarcazioni iscritte pronte a sfidarsi nella “regata sportiva” sulle acque del Lago dell’Eur. Una gara dove dare spazio al miglior design, alla più originale e colorata personalizzazione e all’idea più geniale sulla trazione a impatto zero. Le più veloci, le più belle, le più innovative imbarcazioni costruite con “componenti” di recupero e riciclo riceveranno “speciali” trofei. Gruppi di amici, famiglie, aziende sono invitati ad iscriversi e a utilizzare tutta la loro originalità nella creazione dell’imbarcazione più riciclata: questa stagione la Re boat si potrà costruire anche presso “Il cantiere delle boat” che sarà allestito dal 31 Agosto al 6 Settembre nel contesto della manifestazione “La città in tasca”.

    TANTE LE INIZIATIVE- Sul sito www.failadifferenza.com si potranno trovare maggiori informazioni per apprezzare meglio l’iniziativa e poter esplorare la sezione Tutorial dove vengono proposti alcuni importanti consigli per la costruzione delle imbarcazioni.Inoltre, gli artisti o solo gli appassionati d’arti sono invitati a partecipare all’altro progetto targato “Fai la differenza”: Contesteco, Ecocreativi in difesa dell’ambiente”, il concorso artistico più eco del web. La scorsa stagione Contesteco ha visto la partecipazione di più di cento artistie appassionati che attraverso la fotografia, l’immagine e le loro opere d’arte hanno voluto raccontare la quotidiana lotta per la difesa dell’Ambiente. Il Contest premierà le proposte più interessanti che saranno selezionate da due giurie, una “popolare-online” e una “qualificata”. Le creazioni saranno presentate nello spazio espositivo della manifestazione La città in tasca. I partecipanti dovranno esprimersi sul tema - Racconto la Plastica, il Legno, il Cartone: da rifiuto a risorsa - con un cortometraggio, con una creazione artistica (o opera d’arte), con una foto o con un video, con un fumetto o un racconto. 


    0 0

    Il servizio urbano della ferrovia regionale Roma-Civitacastellana-Viterbo è interrotto tra Flaminio e Montebello a causa della caduta di un albero sui binari all’altezza della stazione Tor di Quinto. L'Atac ha inviato sul posto una squadra di tecnici. 


    0 0

    La popstar Madonna poco dopo le 21 in via Capo d'Africa dove si trova la sua palestra Hard Candy Fitness. Festa tra i fan che l'aspettavano da ore alla palestra, vicino il Colosseo, presidiata da fan, giornalisti, fotografi ed operatori. Un centinaio tra giovani e meno giovani, sono assiepati dietro le transenne che delimitano l'ingresso. Intanto è iniziato a piovere e i tanti presenti stanno cercando un riparo. I fan da questa mattina presidiano l'ingresso del centro mentre un via vai di operatori e addetti ai lavori anima il pomeriggio. A gruppi, i fan, cantano i successi della loro beniamina mentre cresce l'attesa. 


    0 0

    Prima accompagna la nonna a fare la spesa poi scappa con l’auto della zia. E alla fine chiede alla donna 500 euro di ‘riscatto’ per restituirle la vettura, una Renault Clio. Ma gli agenti del commissariato di Ostia, alla quale la zia di C.N., un ragazzo di 22 anni originario di Fiumicino ma da qualche tempo ospite dei nonni in un appartamento di via Piola Caselli, al Lido di levante, si era rivolta per denunciare l’accaduto, lo bloccano e arrestano per i reati di  detenzione ai fini di spaccio di stupefacenti oltre che per appropriazione indebita e tentata estorsione.

    LA BRAVATA - Si è così conclusa con l’arresto la ‘bravata’ del 22enne, un giovane già noto alle forze dell’ordine per precedenti legati allo spaccio di stupefacenti. Ieri l’altro C.N. si era dileguato con l’auto della zia, ma la vittima si era presentata presso gli uffici del commissariato di via Genovese Zerbi raccontando sia della ‘sparizione’ dell’auto sia della ‘particolare’ richiesta del nipote, il quale le aveva telefonato chiedendole 500 euro in cambio dell’auto e dandole appuntamento alla stazione della metro di Lido nord alle 18.  La donna, però, come suggerito dagli agenti diretti dal dottor Antonio Franco, li aveva avvisati così all'appuntamento, oltre a lei, ad aspettare il ragazzo c’erano anche i poliziotti. Il 22enne è stato fermato mentre con la zia si trovava nei pressi del bancomat.

    LA DROGA - Condotto presso la stazione di polizia C.N. è risultato avere  diversi precedenti per possesso di stupefacenti.  Per questa ragione gli agenti hanno deciso di procedere ad una sua perquisizione personale. All’interno dello zaino, sono stati rinvenuti 2 pezzi di hashish per un peso di 1,4 e 1,3 grammi.  La perquisizione ha interessato anche all’auto: nel vano portaoggetti sono stati ritrovati e messi sotto sequestro altri 2 panetti di ‘fumo’ del peso di 97 e 28 grammi.  Nella camera da letto del giovane i poliziotti hanno rinvenuto tra alcune magliette infilate all’interno di un borsone alcune foglie di hashish essiccate raccolte in un contenitore di plastica per un peso complessivo di 85 grammi circa. Nello stesso borsone sono stati ritrovati dei fogli con nomi e cifre, probabilmente riconducibili all'attività di spaccio. Il ragazzi è così finito in manette e adesso si trova a disposizione dell’autorità competente in attesa di essere giudicato.


    0 0

    ''Solo la maglia, tifiamo solo la maglia”. Un coro ripetuto più volte, per ricordare a tutti che sconfitte e delusioni patite nella due stagioni passate non sono state dimenticate. La Curva sud ha accolto con questo sottofondo musicale la nuova Roma di Rudi Garcia in occasione della presentazione allo stadio Olimpico davanti a 25 mila tifosi.

    LE PROMESSE DI GARCIA - Il tecnico francese ha provato a riscaldare l'ambiente con una dichiarazione d'intenti (''Sono molto felice di vedere così tanti tifosi. Potete essere sicuri di una cosa: faremo il massimo perché voi siate orgogliosi della squadra. Forza Roma!''), ma è stato fischiato dallo zoccolo duro del tifo romanista, ancora scottato dal ko in finale di Coppa Italia contro la Lazio dello scorso 26 maggio. ''Non saper rimediare ad una sconfitta è peggiore della sconfitta stessa” e ''26/5 Noi non dimentichiamo, vergogna”, sono stati gli striscioni esposti sugli spalti, con tanto di stendardo al centro della Curva sud raffigurante il vecchio logo della società e la scritta ''No al nuovo stemma”.

    ANCORA SFOTTO’ - A spargere sale sulla ferita del derby, poi, ci ha pensato anche la tifoseria biancoceleste che, con un aereo in volo sopra all'Olimpico, ha recapitato l'ennesimo sfottò ai cugini romanisti: ''26.5.13 la verità reale è che v'avemo fatto male”. E un'altra verità, leggendo la scritta ''17-8-13 disinfettate Trigoria” è rappresentata dal fatto che l'ospitalità concessa la settimana scorsa alla storica rivale Juventus per la rifinitura in Supercoppa è stata tutt'altro che digerita.

    IL CAPITANO - Insomma, per Totti e compagni non sarà facile riconquistare la fiducia dell'ambiente, ma proprio il capitano è stato il più acclamato all'ingresso in campo (''Cercheremo di dare il massimo sul campo per ripagare il loro amore con i risultati” le parole del numero 10), seguito a ruota da De Rossi, Florenzi e dai nuovi acquisti Maicon, Gervinho, Strootman e De Sanctis, che ha ringraziato il pubblico promettendo: ''Rialzerete la testa, saremo noi in mezzo al campo a rappresentarvi con orgoglio, statene certi. Forza Roma”.

    FISCHI PER ANDREAZZOLI - Fischi invece hanno accolto l'ex allenatore Andreazzoli (che ha chiuso l'esperienza da primo allenatore col ko nel derby), Lobont, Balzaretti e Borriello, prossimo alla cessione. E chi potrebbe avere i giorni contati alla Roma è anche Erik Lamela, comunque applaudito dai tifosi, ma tutt'altro che sicuro di tornare all'Olimpico a settembre per l'esordio in casa dei giallorossi contro il Verona.

    MISTERO LAMELA- Singolare, in tal senso, il tweet pubblicato e rimosso subito dopo dalla fidanzata presente all'Olimpico: ''Que gran farsa...''. Sul “Coco” argentino, risparmiato nella partitella d'allenamento (per evitare infortuni?), è infatti sempre più forte il pressing del Tottenham di Baldini che, una volta ceduto Bale al Real Madrid, sferrerà l'attacco decisivo. Sul piatto gli Spurs sono pronti a mettere 35 milioni di euro, mentre per Lamela (il cui entourage è stato segnalato a Madrid proprio per parlare con Baldini) è pronto un contratto pluriennale a cifre sensibilmente più alte rispetto a quelle percepite a Trigoria.


    0 0

    Mehdi Benatia non se li aspettava tutti questi tifosi per un semplice allenamento e per la presentazione della squadra. Roma è così e il difensore ex Udinese l'ha scelta anche per questo. "Nessuno poteva aspettarsi questo momento di gioia dopo le tante delusioni che ci sono state - ha spiegato ai microfoni di Sky Sport 24 -. Si vede che i tifosi sono innamorati di questa maglia, i miei compagni mi avevano parlato di questo amore e fa veramente piacere vedere 30 mila persone solo per un allenamento".

    UN GRANDE INVESTIMENTO- Su Benatia il club giallorosso ha dimostrato di credere molto, spendendo una cifra piuttosto importante per lui. "Non mi interessa quanto mi ha pagato la società, so solo che devo guadagnarmi il posto ogni giorno negli allenamenti, devo dimostrare che merito questa maglia cercando di dare un pò di gioia a questi tifosi". Benatia spera che non parta Lamela. "Lo mandano tutti al Tottenham, spero che resti con noi perché è un giocatore di qualità. Roma è una piazza difficile, ma se le cose vanno bene avremo tutti i tifosi con noi ed è veramente bello avere questo pubblico".

    DA UDINE A ROMA- Da Guidolin a Garcia per Benatia. "Il mister è vicino a tutti i giocatori, giovani e vecchi, cerca di curare bene ogni dettaglio. Guidolin conosce perfettamente il calcio italiano, mentre Garcia ha fatto benissimo in Francia e sta scoprendo il calcio italiano. A proposito di Udinese, ne approfitto per ringraziare ancora una volta tutto l'ambiente e per fargli il mio in bocca al lupo per la gara di domani in Europa League. Sono stato bene lì, ma la Roma è una realtà diversa, è una grande società, c'è tanta pressione e io sono venuto qui per questo". 


older | 1 | .... | 239 | 240 | (Page 241) | 242 | 243 | .... | 324 | newer